Il Giardino incantato di Pescara

206
Il Giardino Incantato di Pescara è un'opera d'arte contemporanea che rappresenta quello che è il cosiddetto filone dell'arte nei luoghi pubblici.

Il Giardino Incantato di Pescara è un’opera d’arte contemporanea che rappresenta quello che è il cosiddetto filone dell’arte nei luoghi pubblici. Si trova in via Antonio Lo Feudo, al confine con via Falcone e Borsellino a Pescara. Realizzato da Franco Summa nel 1918 la struttura artistica è stata installata in un complesso residenziale che si chiama “OperA”. A progettare l’intero complesso è stato l’architetto Mario Botta. Un’agenzia immobiliare ovvero Caldora immobiliare costruzioni, l’ha commissionare con lo scopo di cercare di dare un punto di vista particolare di tipo contemporaneo all’intero complesso residenziale.

Ad oggi, è diventato un punto di riferimento per i cittadini di Pescara ed infatti, ha una caratteristica unica nel suo genere, ovvero quella di riuscire a far emergere il colore in una sorta di foresta realizzata con i toni chiari.

Le caratteristiche del Giardino Incantato di Pescara

Il Giardino Incantato di Pescara è composto da 16 elementi di 6 metri ciascuno. È stato installato su una superficie quadrata e si compone di tutti questi elementi che richiamano i colori primari dell’arcobaleno. Sono disposti tutti in filari di quattro e vanno a delimitare uno spazio di forma squadrata. Uno spazio colorato che tende verso il cielo e vuole dare un tono di vitalità a tutto il comprensorio. Un’iniezione di allegria che mette di buonumore e regala un po’ di felicità nel grigiore della città.

Chiunque si trova a passare in quella zona sarà piacevolmente sorpreso dalla presenza di questo spazio che è come una tavolozza dei colori di un’artista che possiede tutte le caratteristiche e incarna lo spirito stesso della città di Pescara.

Il progetto vuole cercare di dare un senso a all’architettura del territorio ed infatti, è realizzata da un artista abruzzese, ovvero Franco Summa. Summa è autore di tante opere monumentali che si trovano nei luoghi significativi della città di Pescara ed infatti, la sua arte è divenuta un punto di riferimento per tutti i pescaresi. Una firma che richiama le origini abruzzesi a 360 gradi.

Il significato del Giardino Incantato di Pescara

Con la sua struttura ermetica da un punto di vista dei significati, il Giardino Incantato di Summa si trova nel complesso residenziale OperA. Spesso rappresenta un motivo di riflessione per gli abitanti del territorio. È stato inaugurato nel 2018 e ad oggi, ancora molti si chiedono cosa voglia dire. Ha forse dei significati nascosti o vuole solo colorare un po’ l’ambiente? La lettura di questa opera è molto personale!

In realtà, nella sua spiegazione sull’opera, l’autore ha raccontato di voler dare un senso e riprendere come una foto di un giardino moderno. Ha voluto creare uno spazio che possa richiamare i colori dell’arcobaleno e dare un senso di allegria in un circondario residenziale dove le case spesso sovrastano le aree verdi.

Questa struttura rappresenta un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono incontrarsi a ridosso del Tribunale di Pescara.

Con i suoi colori, è un’opera davvero da non perdere. Insieme a queste, Franco Summa ha realizzato anche altre diverse opere della città di Pescara prima di scomparire a 82 anni nel 2020. L’architetto accademico italiano ha fatto anche tantissime pubblicazioni e progetti e ad oggi è molto apprezzato nella città proprio per le sue particolari forme d’arte dove i colori e la monumentalità degli elementi la fanno da padrona. Non è un caso infatti, che si tratta di un artista molto apprezzato non solo a Pescara ma in tutto l’Abruzzo.